Corso
Elenco corsi a.a. 2019/2020
Anno accademico 2019/2020

CM Teorie delle forme e narrazioni audiovisive: Estetica dei media CA0831

5 ECTS
Docente
Sede di Roma
Secondo semestre

FINALITÀ

- Introdurre criticamente lo studente ai principali temi e problemi dell’Estetica dei media, mettendo in evidenza il contributo che tale disciplina può dare alla comprensione del processo contemporaneo di naturalizzazione della tecnologia e di estetizzazione della comunicazione. - Conoscenza dei cambiamenti delle contemporanee configurazioni di presentazione/rappresentazione nel mondo dei media attraverso un ripensamento e una possibile ridefinizione dei concetti tradizionali di percezione e di esperienza in un contesto di vaporizzazione dell’opposizione tra virtuale e artificiale. - Analisi della soggettività estetica e riflessione sull’unicità di ogni espressione culturale che avvierà al dialogo, con le diversità. - Comprensione di come l’esperienza estetica potrebbe rappresentare uno spazio di manifestazione della singolarità e nello stesso tempo un luogo sociale empatico e condiviso di un sentire comune il cui fondamento poggia su quella condizione esistenziale che è la consapevolezza “dell'essere-in-un-mondo-comune” (Mitwelt). - Acquisizione del fatto che la portata ontologica della bellezza coniuga la dimensione estetica del fare con la dimensione etica e che la cultura è un processo continuo di interazioni sociali e di interpretazioni della realtà. - Conoscenza delle nuove frontiere nell’uso del corpo come principale emittente/ricevente della percezione/comunicazione.

ARGOMENTI

- Estetica dei media: tra un concetto antico e uno moderno. Lo statuto epistemologico. - L’immaginazione interattiva e l’immaginario nella comunicazione. Le immagini (simulacro o feticcio) e il loro valore di interpretazione della realtà. - Tra reale e digitale: la sofisticazione delle tecniche di simulazione della realtà e spunti di riflessione per ripensare il rapporto tra la realtà e le sue rappresentazioni. Una riflessione su una possibile ridefinizione dei concetti di percezione ed esperienza. - Le realtà virtuali e i mondi illusori: il paradigma estetico dell’Augmented Reality. - La post verità: le nuove modalità narrative. - L’estetizzazione della comunicazione. - La potenzialità dell’affettivo. - Una riflessione sul concetto di bellezza: il valore del bello, la sua funzione, la sua consistenza ontologica, la differenza con la bellezza della provocazione e del consumo, le condizioni soggettive dell’esperienza, il valore “conoscitivo” dell’esperienza estetica. - Il potere salvifico del bello. - Il bello e le sue forme nel mondo dei media (alcuni esempi). - Corpo e corporeità nell’era del post human. - L’identità digitale e i processi identitari in rete. - Analisi e applicazione delle conoscenze acquisite e sguardo critico sul processo di estetizzazione dell’attuale struttura comunicativa nei diversi contesti culturali (Laboratori).

TESTI

Obbligatorio: Dispensa del Professore. Testi di approfondimento: GRANATA P., Arte, estetica e nuovi media (Bologna, Fausto Lupetti editore 2009); EUGENI R., La condizione postmediale (Brescia, La Scuola 2015); CANEVA C., L’importanza della riflessione estetica per i processi culturali: George Simmel ed Ernst Bloch (in Salesianum, Anno LXXX n. 4, ottobre/dicembre 2018) 701-735; COSTA C., La società post razionale (Roma, Armando 2012); COSTA M., L’Estetica dei media. Avanguardie e tecnologia (Roma, Castelvecchi 1999); DIODATO R., A. SOMAINI (eds.), Estetica dei media e della comunicazione (Bologna, Il Mulino 2011); KOLNAI A., Il disgusto (Milano, Marinotti 2017).