Versione BETA
Corso
Elenco corsi a.a. 2015/2016
Anno accademico 2015/2016

Bibbia e letteratura 6037

3 ECTS
Docente
Sede di Torino
Primo semestre

ARGOMENTI

La tradizione biblica costituisce un punto di riferimento imprescindibile per comprendere lo sviluppo dei temi e delle forme artistiche della storia occidentale; la Bibbia è a tutti gli effetti il «Grande Codice» (N. Frye) al quale gli artisti dell’era cristiana hanno attinto per le proprie originali produzioni; se da un lato la Bibbia è stata il filtro, il principio mediatore, nel processo di recezione dell’eredità classica, essa è stata al contempo la fonte che ha permesso all’esperienza estetica occidentale di maturare nella sua specificità. Il corso è dedicato alla relazione tra la tradizione biblica e la produzione letteraria occidentale; nell’impossibilità di fornire un quadro esaustivo di un ambito tanto vasto, si sofferma su alcune fra le tematiche di maggior rilievo, presentando un’antologia di testi teorici e letterari con particolare ma non esclusivo riferimento all’età contemporanea. Relativamente a tale materiale, lo studente concorderà con il docente un proprio percorso da presentare all’esame. Nella prima parte del corso, si affronteranno alcune problematiche relative alla fonte biblica del realismo nella letteratura occidentale e all’esperienza biblica della parola (Blanchot, Auerbach, Averincev); nella seconda, verranno presentati e discussi a lezione brani tratti da alcuni grandi autori della letteratura mondiale (Milton, Kafka, Wiesel, Gibran, Saramago, Dostoevskij).

TESTI

Il docente fornirà all’inizio del corso indicazioni per un agevole reperimento del materiale. Per la prima parte, si fa riferimento a: AUERBACH E., Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale (Torino, Einaudi 1956); AVERINCEV S., Atene e Gerusalemme. Contrapposizione e incontro di due principi creativi (Roma, Donzelli 1994); BLANCHOT M., L’infinito intrattenimento. Scritti sull’«insensato gioco di scrivere» (Torino, Einaudi 1977). Per la seconda parte, si analizzeranno brani tratti da: ALFIERI V., Saul; BORGES J.L., La biblioteca di Babele; BULGAKOV M.A., Il maestro e Margherita; CELAN P., Fuga della morte; DE ANDRÉ F., La buona novella; DOSTOEVSKIJ F.M., Il grande inquisitore; DURRENMATT F., Pilato; ELIOT T.S., Cori da «La Rocca»; FO D., Mistero buffo; GIBRAN G.K., Il profeta; KAFKA F., Davanti alla legge; LAGERKVIST P., Barabba; LIMENTANI G., Gli uomini del libro. Leggende ebraiche; MCCARTHY C., La strada; MILOSZ O.V., Mefiboseth; MILTON J., Paradiso Perduto; PASOLINI P.P., La ricotta (sceneggiatura); PASTERNAK B., Il dottor Zivago; POMILIO M., Il quinto evangelista; ROTH J., Giobbe. Romanzo di un uomo semplice; SARAMAGO J., Il Vangelo secondo Gesù Cristo; SOLOVIEV V., Breve racconto dell’Anticristo; WIESEL E., La notte.