Corso
Elenco corsi a.a. 2013/2014
Anno accademico 2013/2014

Teoria e tecniche della pubblicità CA1217

4 ECTS
Docente
Sede di Roma
Primo semestre

FINALITÀ

Il corso intende introdurre lo studente alla conoscenza degli aspetti teorici e delle tecniche di realizzazione della pubblicità intesa come forma di comunicazione d’impresa e leva fondamentale del marketing, finalizzata a promuovere beni e servizi. Il fenomeno pubblicitario viene presentato nelle sue diverse implicazioni non soltanto economiche, ma anche socioculturali, politiche, etiche. Oltre a considerare la forma più diffusa di pubblicità, quella commerciale, il corso prende in esame anche le altre forme di pubblicità non profit: sociale, pubblica, politica, religiosa. Nell’ambito del corso è poi previsto un project work per la realizzazione di una campagna di comunicazione sociale sugli strumenti classici e sui nuovi media.

ARGOMENTI

1. La pubblicità come comunicazione dell’impresa. La sua evoluzione storica (nei paesi occidentali e in Italia) e la sua funzione nell’ambito del marketing. Il marketing, le sue leve e i suoi strumenti. Le sue caratteristiche. 2. Le “teorie” pubblicitarie: esame dei principali “modelli” (AIDA, DAGMAR, ecc.), le ‘scuole internazionali’. Le strategie di comunicazione e la realizzazione della pubblicità. L’agenzia pubblicitaria: ruoli e funzioni. La copy strategy. La “campagna pubblicitaria” e le sue diverse fasi; i mezzi; il controllo dei risultati. 3. Pubblicità e mass media: le forme e i format classici della pubblicità sui mass media, gli investimenti pubblicitari. I rapporti tra pubblicità e mezzi di comunicazione. I condizionamenti della pubblicità sulle politiche editoriali e sui contenuti diffusi dai media. 4. La pubblicità non commerciale o “non profit”. Le applicazioni delle teorie delle tecniche pubblicitarie nel campo sociale, politico, religioso. 5. Il documento “Etica nella pubblicità”. 6. Aspetti socioculturali della pubblicità. 7. Le norme che regolano contenuti e modalità di diffusione della pubblicità. Gli interventi statali. Le regole di autodisciplina. 8. Le forme di comunicazione “below the line”: sponsorizzazioni, eventi, direct, unconventional, viral, social media, relazioni pubbliche. 9. Le Relazioni pubbliche: concetto e storia, relazioni interne ed esterne, i diversi pubblici, la pratica e gli strumenti operativi.

TESTI

CODELUPPI V., Che cos’è la pubblicità (Roma, Carocci 2001); ZANACCHI A., Pubblicità: effetti collaterali (Roma, Editori Riuniti 2004); ZANACCHI A., Relazioni pubbliche (Roma, LAS 2004); PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, Etica nella pubblicità (varie edizioni, 1977); PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, Aetatis novae (varie edizioni, 1992). Per eventuali approfondimenti: AAKER D.-MYERS J.G., Management della pubblicità (Milano, Angeli 1991); APPIANO A., Pubblicità, comunicazione, immagine. Progetto e cultura visiva (Bologna, Zanichelli 1991); BERNSTEIN D., Company image. La comunicazione di impresa tra immagine e realtà (Milano, Guerini 1988); BOGART L., Strategia in pubblicità (Milano, Angeli 1990); BROCHAND B.-LENDREVIE J., Le regole del gioco. Le Publicitor (Milano, Lupetti 1986); CODELUPPI V., La pubblicità. Guida alla lettura dei messaggi (Milano, Angeli 1997); CUTLIP S.M.-CENTER A.H., Nuovo manuale di Relazioni Pubbliche (Milano, Angeli 1997); GLASSER R., La manipolazione del consumatore (Milano, Angeli 1976); LEISS W.-KLINE S.-JHALLY S., Social Communication in Advertising (Scarborough-Ontario, Routledge 1990); ROGGERO G.A.-PECCHENINO M., Le Relazioni pubbliche nel mondo che cambia (Milano, Lupetti 1995); PANARESE P., Quel che resta della Pubblcità (Milano, Lupetti, 2011); VECCHIA M.-HAPÙ, Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria (Milano, Lupetti 2003); BLASI S., La marca tra società e mercato, dispensa didattica (Roma, UPS, 2011).