Corso
Elenco corsi a.a. 2014/2015
Anno accademico 2014/2015

Teoria e tecniche della pubblicità CA1217

4 ECTS
Docente
Sede di Roma
Primo semestre

FINALITÀ

Il corso intende introdurre lo studente alla conoscenza degli aspetti teorici ed evolutivi e delle tecniche di realizzazione della pubblicità intesa come forma di comunicazione d’impresa e leva fondamentale del marketing, finalizzata a promuovere beni e servizi. Il fenomeno pubblicitario viene presentato nella sua complessità: dagli studi e le analisi più idonee alle figure professionali coinvolte, dalle prassi organizzative e i flussi di lavoro alle nuove forme di espressione (unconventional, viral, ambient..) fino alle implicazioni non soltanto economiche, ma anche socioculturali, politiche, etiche. Oltre a considerare la forma più diffusa di pubblicità, quella commerciale, il corso prende in esame anche le altre forme di comunicazione no profit: sociale, istituzionale, pubblica, politica, religiosa, veicolate su mass media e personal media. Nell’ambito del corso è poi previsto un project work per la realizzazione di una campagna di comunicazione sociale su strumenti di comunicazione online e offline.

ARGOMENTI

1. Storia ed evoluzione della pubblicità come forma di comunicazione d’impresa: storia ed evoluzione della pubblicità in Italia; le principali scuole internazionali e le correnti pubblicitarie. 2. Il marketing: ricerche, analisi, posizionamento, target, leve del mix e pianificazione. 3. La comunicazione pubblicitaria nella logica della comunicazione integrata. 4. L’agenzia pubblicitaria: ruoli, funzioni e strumenti. Dal briefing alla strategia di comunicazione pubblicitaria passando per la pianificazione media. 5. Il complesso sistema pubblicità: flussi, regole, canali, strumenti, condizionamenti e impatto sociale e culturale. 6. Dal branding ai lovemarks passando per il fenomeno ‘No Logo’. 7. La crisi della comunicazione di marketing, la rivoluzione del web, le tesi del cluetrain manifesto e la crescita del (video) storytelling. 8 Il web come spazio sociale di interazione, costruzione di valori e condivisione di saperi e stili di vita. 9. Dai mass media ai personal media tra unconventional e social media. Il mobile organizing e l’engagement online. 10. L’etica e l’autodisciplina in pubblicità. 11. Non solo pubblicità: relazioni pubbliche, pubblicità sociale e no profit, Chiesa e pubblicità, comunicazione politica, comunità e organizzazione mobile online.

TESTI

CODELUPPI V., Che cos’è la pubblicità (Roma, Carocci 2001); ZANACCHI A., Pubblicità: effetti collaterali (Roma, Editori Riuniti 2004); ZANACCHI A., Relazioni pubbliche (Roma, LAS 2004); PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, Etica nella pubblicità (varie edizioni, 1977); PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, Aetatis novae (varie edizioni, 1992). Per eventuali approfondimenti: AAKER D.-MYERS J.G., Management della pubblicità (Milano, Angeli 1991); APPIANO A., Pubblicità, comunicazione, immagine. Progetto e cultura visiva (Bologna, Zanichelli 1991); BERNSTEIN D., Company image. La comunicazione di impresa tra immagine e realtà (Milano, Guerini 1988); BOGART L., Strategia in pubblicità (Milano, Angeli 1990); BROCHAND B.-LENDREVIE J., Le regole del gioco. Le Publicitor (Milano, Lupetti 1986); CODELUPPI V., La pubblicità. Guida alla lettura dei messaggi (Milano, Angeli 1997); CUTLIP S.M.-CENTER A.H., Nuovo manuale di Relazioni Pubbliche (Milano, Angeli 1997); GLASSER R., La manipolazione del consumatore (Milano, Angeli 1976); LEISS W.-KLINE S.-JHALLY S., Social Communication in Advertising (Scarborough-Ontario, Routledge 1990); ROGGERO G.A.-PECCHENINO M., Le Relazioni pubbliche nel mondo che cambia (Milano, Lupetti 1995); PANARESE P., Quel che resta della Pubblcità (Milano, Lupetti, 2011); VECCHIA M.-HAPÙ, Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria (Milano, Lupetti 2003); BLASI S., La marca tra società e mercato, dispensa didattica (Roma, UPS 2014).