Corso
Elenco corsi a.a. 2013/2014
Anno accademico 2013/2014

Seminario di Sociologia della devianza EB1240

5 ECTS
Docente
Sede di Roma
Secondo semestre

FINALITÀ

Il seminario si pone in continuità del corso EB1210, di cui rappresenta un approfondimento e presuppone la conoscenza. Il seminario si propone di abi¬litare gli studenti ad un uso consapevole e critico delle fonti bibliografiche e documentaristiche sulla devianza giovanile, ad essere capaci di preparare un elaborato scientifico su un tema a scelta tra gli argomenti proposti, a lavorare in gruppo in forma di apprendimento cooperativo. Obiettivi: Al termine del corso l’allievo saprà: - trovare adeguata documentazione su un fenomeno di devianza giovanile; - comprendere un testo sociologico o un documento statistico sulla devianza; - rivolgere una critica motivata ad una spiegazione della devianza; - ipotizzare una spiegazione pertinente ad un fenomeno di devianza; - proporre un intervento preventivo o rieducativo sulla devianza; - elaborare un testo scientifico di tipo sociologico e/o pedagogico.

ARGOMENTI

1. Metodologia del lavoro seminariale; 2. Nuovi orientamenti nell’inter¬pretazione della devianza minorile: disagio, rischio e fattori correlati; 2. Fat¬tori protettivi: prevenzione, rieducazione, intervento; 3. Metodolo¬gie inter¬pretative di tipo processuale-dinamico. Impegni per studente: 1. Raccogliere dati statistici o scientifici su un fenomeno di devianza giovanile; 2. Individuare la spiegazione più attendibile del fenomeno, mediante il ricorso a teorie studiate nel corso di Psicosociologia della devianza o ad altre più adatte; 3. Ipotizzare un intervento di tipo preven¬tivo e/o riabilitativo sul piano sociale ed educativo; 4. Produrre un lavoro scientifico sull’argomento scelto, in collaborazione con un gruppo di compagni; 5. Esporre il contenuto del lavoro a tutti i compagni in classe. Valutazione: Elaborato scritto, collaborazione con i compagni, esposizione in classe.

TESTI

VETTORATO G., Appunti di Psicosociologia della Devianza (dispense); VETTORATO G.-GENTILI F., Educare in un mondo che cambia (Roma, SCS/CNOS 2010); PRELLEZO J.M.-GARCIA J.M., Invito alla ricerca. Metodologia del lavoro scientifico (Roma, LAS 1998); SEGRE S., Devianza giovanile. Cause sociali e politiche di prevenzione (Milano, Angeli 1997); BERZANO L., Giovani e violenza: comportamenti collettivi in area urbana (Torino, Ananke 1997); BISI R. (ed.), Percorsi di un’età difficile. Minori fra assistenza ed emarginazione (Milano, Angeli 1998); EMLER N.-REICHER S., Adolescenti e devianza. La gestione collettiva della re¬putazione (Bologna, Il Mulino 2000); BACCHINI D.-VALERIO P., Giovani a rischio (Milano, Angeli 2001); DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA MINORILE (ed.), I gruppi di adolescenti devianti. Un’indagine sui fenomeni di devianza minorile di gruppo in Italia (Milano, Angeli 2001); CAVALLO M., Ragazzi senza: disagio devianza e delinquenza (Milano, Mondadori 2002); PARONI P., Un posto in strada. Gruppi giovanili e intervento sociale (Milano, Angeli 2004); BECUCCI S.-MASSARI M., Globalizzazione e criminalità (Roma-Bari, Laterza 2003); TOTARO M. S.-PAGLIAROLI T.-MASTROPASQUA I., 1° Rapporto sulla devianza minorile in Ita¬lia. I numeri pensati (Roma, Gangemi 2008); FORMELLA Z.-RICCI A., Il disagio adole¬scen¬ziale: tra aggressività, bullismo e cyberbullismo (Roma, LAS 2010); ISTAT, Reati, vittime e percezione della sicurezza. Anni 2008-2009 (Roma, ISTAT 2010); MION R.-PIERONI V., Ra¬gazzi difficili: misure a sostegno/accompagnamento (Ortona, CH 2002); BARALDI C.-ROSSI E., La prevenzione delle azioni giovanili a rischio (Milano, Angeli 2004); DE LEO G.-PATRIZI P., Trattare con adolescenti devianti. Progetti e metodi di intervento nella giustizia minorile (Roma, Carocci 2006); COLLA E.-MASTROPASQUA I.-CALMARINI D.-CUPINI F. (Edd.), Progetto Stop-car. Report di ricerca (Roma, Dipartimento di Giustizia Minorile 2009).