Versione BETA
Corso
Elenco corsi a.a. 2017/2018
Anno accademico 2017/2018

Teologia della comunicazione II TA2521

5 ECTS
Docente
Sede di Roma
Secondo semestre

ARGOMENTI

1. Introduzione: Teologia dalla prospettiva della comunicazione: 1.1. La comunicazione: categoria teologica. 1.2. “Communication Theology” e “Teologia della comunicazione”. 1.3. Storia del concetto è stato sviluppato. 2. Verso una dimensione trascendente della comunicazione: L’Uomo in ricerca delle risposte e la domande fondamentale alla base di mille domande. 3. L’apertura esistenziale verso l’Orizzonte Infinito e le religioni e loro simbolismi e mitologie. 4. Il Cristianesimo: L’autocomunicazione di Dio all’Uomo: 4.1. L’autocomunicazione di Dio all’Uomo nelle parole giudaica (La Bibbia: ermeneutica, oralità, narrazione, profezia, storia della salvezza). 4.2. L’autocomunicazione di Dio all’Uomo nella Natura. 4.3. L’autocomunicazione di Dio all’Uomo nel Verbo: Gesù Cristo (Il vangelo: Gesù della storia, comunicatore par eccellenza, messia [nei sinottici]; Gesù Verbum Dei, messaggio-messaggiatore [Giovanni]; gli Atti degli Apostoli, Paulo e la scrittura) . 4.4. L’auto comunicazione di Dio all’Uomo nell’accompagnamento dello Spirito Santo (gli Atti e la missione degli apostoli). 4.5. Comunicazione nella Santa Trinità; 5. La dimensione comunicativa della Chiesa: a. La risposta dell’uomo alla chiamata di Dio (la tradizione ecclesiale); i. Segni, simboli e sacramenti. ii. Liturgia e drammaturgia. iii. Arte, musica, danze, architettura. b. Il popolo di Dio in cammino, comunicazione partecipativa, comunicazione nel tempo e spazio, inculturazione, Il catechismo, le preghiere, la spiritualità odierna. c. Prendersi cura dell’altro: la vita morale nel agire dell’uomo. 6. La Vocazione come comunicazione personale di ogni Cristiano con Dio (chiamata e risposta): matrimonio, sacerdozio, vita consacrata, vita laica lievito nel mondo; 7. Comunicare la buona novella: testimonianze, omiletica, impegno missionario: evangelizzazione Ad Gentes, comunicare Cristo tra le altre confessioni religiose; 8. La piena comunicazione (escatologia): la comunione dei santi e martiri, la morte come atto, la risurrezione dei morti.

TESTI

AFRASIABI K.L., “Communicative theory and theology: a reconsideration”, in Harvard Theological Review 91 (1998) 75-87; AVERY DULLES A., The Church and Communications: Vatican II and beyond. In: Reshaping Catholicism. Current Challenges in the Theology of the Church (San Francisco, Harper and Row 1984); ID., The Craft of Theology. From Symbol to System (Dublin, Gill and Macmillan 1996); BARAGLI E., Comunicazione, comunione e Chiesa (Roma, Studio Romano della Comunicazione Sociale 1972); ID., Comunicazione e pastorale (Roma, Studio Romano della Comunicazione Sociale 1974); CARNICELLA M.C., “Cristo, perfectto comunicatore, in Ricerche Teologiche 5 (1994) 207-226; ID., “La vita di Gesù modello di comunicazione”, in Ricerche Teologiche 6 (1995) 191-211; CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, “Il dovere pastorale delle comunicazioni sociali” (15 maggio 1985), in Enchiridion CEI, III (Bologna, EDB 1986), 1353-1365; CREPS E., Meaning Well: A Biblical Outline of Human Communication (A Pentecostal presentation of scripture according to Laswell’s transmission model of communication); DIANICH S., “Teorie della comunicazione ed ecclesiologia”, in ASSOCIAZIONE TEOLOGICA ITALIANA, L’ecclesiologia contemporanea, (Padova, EMP 1994), 134-178; EILERS F.-J., Communicating in Community. An Introduction to Social Communication. Third Edition. (Manila, Logos 2002); ID., Communicating in Ministry and Mission. An Introduction to Pastoral and Evangelizing Communication. Second Edition. (Manila, Logos 2004); GRESHAKE G., An den Drei-einen Gott glauben. Ein Schluessel zum Verstehen. 2. Edition, (Freiburg, Herder 1999); ID., Der Ursprung der Kommunikationsidee. In: Communicatio Socialis, Internationale Zeitschrift für Kommunikation in Religion, Kirche und Gesellschaft. Vol. 35, p.5-26, (Mainz, Gruenewald 2002); HABERMAS J., Teoria dell’agire comunicativo, 2 vol., (Bologna, Il Mulino 1986); HÄRING B., Free and faithful in Christ. Moral Theology for Priests and Laity. Vol. II: The Truth will set you free. London (St. Paul) 1979; JACOBSEN D. Sch. (ed.), Homiletical Theology: Preaching as Doing Theology; MARIANI V. (ed.), La relazione: incontro quotidiano con Dio e con l’uomo, (Bologna, EDB 2008); MARTÍNEZ-DÍEZ F., Teología de la comunicación, (Madrid, BAC 1994); MARTINI C. M., “Ephata, Apriti”, Lettera per il Programma Pastorale ‚Communicare’. (Milan, Centro Ambrosiano 1990). English Edition: Communicating Christ to the World. (Kansas City, Sheed &Ward 1994); POLI G.F. – CARDINALI M., La comunicazione in prospettiva teologica. Riflessione sugli aspetti comunicativi della fede, (Leumann, LDC 1998); PONTIFICIO CONSIGLIO DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI, Chiesa e comunicazione dopo il Concilio, (Città del Vaticano, LEV 1992); RAHNER K. , “Selbstmitteilung Gottes” in: Sacramentum Mundi. Vol. IV. (Freiburg, Herder 1969) col. 521-52; ID., “Selbstmiteilung Gottes” in: K. RAHNER – H. VORGRIMMLER: Kleines Theologisches Woerterbuch. (Freiburg, Herder 1961); RAVASI G., Il narrare divino e umano, (Venezia, Marcianum Press 2015); SALMANN E., Presenza di Spirito. Il cristianesimo come gesto e pensiero, (Padova, EMP 2000); SPADARO A. Cyberteologia, (Milano, Vita e Pensiero 2013); WERBICK J., “Kommunikation: fundamental-theologisch” in: W. KASPER (ED.), Lexikon für Theologie und Kirche. Band 6, Freiburg (Herder) 1997; WORLD COUNCIL OF CHURCHES, La credibilità della comunicazione cristiana, (Leumann, LDC 1989); ZANI B.-SELLERI P.-DAVID D., La comunicazione. Modelli teorici e contesti sociale, (Roma, Carocci 19985); ZANON D., Chiesa e società in rete, elementi per una cyberecclesiologia, (Cinisello Balsamo, San Paolo 2013); Ulteriori elementi bibliografici saranno consigliati nel corso delle lezioni.