Trenti Zelindo(Roma, 29 marzo 2017) – Nel pomeriggio del 17 marzo 2017 si è tenuto nella Sala Artemide Zatti il seminario in memoria di don Zelindo Trenti, professore all’Istituto di Catechetica (ICa) della FSE. Vi hanno preso parte circa sessanta persone tra professori e studenti. L’obiettivo del seminario era quello di raccogliere l’eredità di don Trenti e del lavoro sviluppato dall’Istituito di Catechetica nel campo della pedagogia religiosa durante gli anni della sua collaborazione per collocarlo in un nuovo orizzonte. 

Seminario IRC TrentiDopo il saluto del rettore don Mauro Mantovani e la presentazione dei lavori del prof. Mirosaw Wierzbicki è stato dato spazio a quattro interventi. Sergio Cicatelli (“L’evoluzione dell’insegnamento della religione in Italia dal Concordato del 1984”) ha delineato il contesto in cui lavorò l’ICa portando un profondo rinnovamento epistemologico, didattico e metodologico della stessa scuola di religione. Cesare Bissoli (“L’attività dell’ICa nel campo della pedagogia religiosa”) ha evidenziato i tratti salienti dell’IRC rievocando il contributo di Roberto Giannatelli guadagnandosi la stima sia della Chiesa (CEI) che dello Stato (MIUR). Salvatore Currò (“Coordinate del pensiero sulla religione dell’ICa”) ha messo in luce l’eredità di Zelindo Trenti. Josè Luis Moral (“Presente e futuro del rapporto educazione e religione nell’ICa”) ha fatto una sintesi del lavoro portato avanti nel triennio incentrato sul binomio “Religione e Cittadinanza”.

È seguito un dialogo con i relatori circa la “Pedagogia ermeneutica”.

Il seminario si è concluso con la celebrazione dell’Eucarestia in suffragio di don Trenti che ha presieduto il don Franciszk Krason, direttore della comunità San Tommaso di cui faceva parte don Trenti.

In una valutazione d’insieme si può segnalare che l’attenzione al passato storico permette di sentirsi dotati di un’eredità preziosa tanto più in ambito come quello dell’IRC; la collocazione dell’IRC in Italia richiede che il profilo si configuri secondo la visione globale di scuole di questo paese; la dimensione religiosa è dimensione di umanità; l’IRC deve essere un fenomeno-fatto umano aperto all’oltre attraverso un processo culturale che coinvolge l’intera persona.  Un uomo può seguire e interessarsi di una proposta religiosa, se questa si interessa in modo comprensibile dell’uomo.

Seminario IRC Trenti 1 

Recensioni

ANIMAZIONE TEATRALE E TEATRO RAGAZZI NEL…

In Italia, alla fine degli anni Sessanta, nasce il fenomeno dell’animazione teatrale, prima nell’ambito della scuola, poi nel sociale, per diventare, negli anni Ottanta e fino a oggi, una vera...

STORIA DELLA LETTERATURA DELLA MAGNA GRE…

Questo libro, di Romualdo Marandino, mettendo in luce la ricchezza di pensiero e di arte che la civiltà magno-greca seppe copiosamente produrre in Italia meridionale, conferma la necessità, da più...

I Giovani nelle statistiche sociali

Il volume è una compilazione di alcune sezioni tematiche (demografia, nazionalità, istruzione, scuola, università, forze lavoro, Neet, famiglia, disagio giovanile, devianza, benessere, salute, cultura, partecipazione, volontariato...) che offrono un approccio...

Sui sentieri dell’uomo. Introduzione all…

Il processo di detronizzazione, iniziato con la teoria della derivazione della specie umana da forme di vita inferiori, è culminato in manifestazioni nichiliste che hanno sancito la «morte del­l’uo­mo». Con...

Storia della catechesi. 4. Il movimento …

Il volume si pone in continuità con il testo di P. Braido, Storia della catechesi, vol. 3: Dal «tempo delle riforme» all’età degli imperialismi, Roma, LAS 2015, pubblicato in questa...




(c) 2005-2014 Rome - UPS - All rights reserved | P.Iva 01091541001 | Powered by Joomla!®.